Carlo Zanni
Since the beginning
Works in Mars Sierra Leone

PORTFOLIO (3)
BIO
Carlo Zanni was born in La Spezia (Italy) in 1975. Since the early 2000's his practice involves the use of Internet data to create time based social consciousness experiences investigating our life. He lives far from the worldliness of the art world while showing and screening his projects in venues worldwide including: Hammer Museum, Los Angeles; New Museum, New York; Tent, Rotterdam; MAXXI, Rome; P.S.1, New York; Borusan Center, Istanbul; ACAF Space, Alexandria; PERFORMA 09, NY; ICA, London; Wood Street Galleries, Pittsburgh; Science Museum, London.
He founded "People From Mars" http://www.PeopleFromMars.org to experiment new distribution models for video art and new media projects.
http://www.zanni.org
Discussions (92) Opportunities (6) Events (51) Jobs (0)
EVENT

On Pay-Per-View Net Art: an Interview with Carlo Zanni by Pau Waelder


Dates:
Thu Mar 08, 2012 10:55 - Mon Dec 31, 2012

On Pay-Per-View Net Art: an Interview with Carlo Zanni by Pau Waelder

image

ETC Revue de l’art actuel, nº 95
http://www.etcmontreal.com/
Feb-May, 2012
Montréal, Canadá
Págs. 45-46

Read the full interview here:
http://www.erudit.org/culture/etc1073425/etc019/65952ac.html?vue=resume

Intro:

In the mid-1990s, when artists first started to explore what could be done in the World Wide Web, they soon realized that it would become not just a canvas but a medium in itself. Internet art was born as a sort of neo-avantgarde movement, whose name incorporated the famous dot that denoted its allegiance to computer culture instead of art history. Consequently, when artists Natalie Bookchin and Alexei Shulgin wrote the manifesto Introduction to net.art (1994-1999), they declared the independence of this art from any institution and saw the Internet as “a medium for production, publication, distribution, promotion, dialogue, consumption and critique”. It seemed, then, that it would be possible for an artist to break free from the traditional art system, bypass the gallery and the museum and directly reach his or her audience and, eventually, collectors.

image

The dot-com bubble burst brought many utopian ideas about the Internet to an abrupt end, and the initial interest that museums and collectors had for this new kind of art faded off some years later, but neither the Internet nor net art had lost any of its potential. The web 2.0 introduced new ways of distributing and consuming content online, and new forms of artistic creation began to emerge, along with new ideas about selling net-based artworks.

image

One of the most prolific artists to create Internet art while exploring forms of selling his work in the art market is Carlo Zanni (La Spezia, Italy, 1975) [2]. Early in his career, he initiated a research on creating a market for net art by organizing a three day chat based discussion under the title “P2P_$: Peer to Peer $elling Processes for net_things” (2002), with the participation of a large number of artists and curators. Later on, he created Altarboy (2003), “a portable server-sculpture containing a network based art work that can be sold.” Since then, he has developed a series of net-based art projects in which he has maintained an interesting balance between object and process, public and private, owning and sharing. His latest work, My Country is a Living Room (2011) [3], is a short poem generated online using Google Scribe that takes the form of a print-on-demand book and a pay-per-view net art piece. Is this the end of net art for free?

image

In the following interview, Carlo Zanni exposes his thoughts about selling net art to the people and outlines some of his strategies to develop a market for an art that once claimed its own temporary autonomous zone.

Pau Waelder
http://www.pauwaelder.com/

Independent art critic and curator. His recent projects include the exhibitions Extimacy. Art, intimacy and technology (Es Baluard Museum of Modern and Contemporary Art, 2011), Habitat (Urbanea, 2011), Colmena (Pilar and Joan Miró Foundation, 2010), as well as lectures at Art Futura Festival (Bilbao, 2011) and CCCB Lab (Barcelona, 2012).
Consulting professor in postgraduate courses on Digital Culture at the Open University of Catalonia (UOC), he is also editor of the Media Art section at art.es magazine (Spain), contributing writer at ETC Magazine (Canada), editor and writer at the blog Arte Cultura e Innovación and art critic at Diari de Balears. He also regularly writes texts for books on contemporary art and digital culture.

[1] 1 Natalie Bookchin and Alexei Shulgin, Introduction to net.art (1994-1999). http://www.easylife.org/netart/

[2] http://www.zanni.org

[3] Carlo Zanni. my country is a Living Room. http://mycountryisalivingroom.com

Read the full interview here:
http://www.erudit.org/culture/etc1073425/etc019/65952ac.html?vue=resume



EVENT

Gap - Generazioni a confronto - Festival di videoarte


Dates:
Wed Mar 07, 2012 18:00 - Fri Mar 09, 2012

Location:
Rome, Italy

Dal 7 al 9 marzo 2012 dalle 18:00 alle 20:00 si terrà presso il MAXXI Base la rassegna di videoarte “Gap-Generazioni a confronto” promossa da Federculture, con il sostegno della Regione Lazio, in collaborazione con il MAXXI e curata da Micol Di Veroli e Giovanna Sarno.

Il costante progresso della tecnologia ha introdotto nella cultura popolare un nuovo sistema semiotico sorretto da nuove regole, che di fatto hanno cambiato il nostro modo di concepire ideologie, estetiche e politiche sociali. L’elevata velocità a cui viaggiano immagini, informazioni e concetti ha permesso il superamento di barriere e confini sia geografici che fisici e mentali, contribuendo a creare ciò che oggigiorno si definisce società globale o multimediale.

Tutti questi elementi, virtualmente alla portata di tutti, sono però difficili da raggiungere e spesso alcune generazioni si trovano tagliate fuori da processi tecnologici e di trasformazione sociale.
L’arte rappresenta una grande piattaforma di informazione e confronto, il mondo della creatività è inoltre una delle primissime realtà che ha fatto largo uso delle nuove tecnologie, dei new media e delle nuove piattaforme multimediali.
Il progetto Gap-Generazioni a confronto si pone quindi l’obiettivo di evidenziare le differenze generazionali, culturali e identitarie. Tali limiti e possibilità saranno evidenziati dal potere mediale ed immaginifico della video arte, mezzo che più di ogni altro riesce a comunicare sensazioni ed emozioni in movimento e che può fare uso dei più attuali mezzi tecnologici per esprimere a pieno la creatività dell’artista.
Durante l’evento, oltre alle proiezioni video, si svolgeranno momenti di dibattito e confronto con gli artisti, i curatori e il pubblico. L’8 marzo, seconda giornata del Festival, sarà dato particolare rilievo alle videoartiste per celebrare la Festa della Donna.

La rassegna sarà aperta mercoledì 7 marzo dai saluti istituzionali di Pio Baldi – Presidente MAXXI;
Roberto Grossi – Presidente di Federculture; Fabiana Santini – Assessore Arte Sport e Politiche Giovanili Regione Lazio. Interverrà anche Francesco Casetti, Professor, Film Studies Program, Humanities Program Università di Yale, che presenterà i risultati principali della ricerca “L’arte al tempo dei media”.

ARTISTI

Bianco-Valente
Masbedo
Anita Calà
Stefano Cagol
Joan Jonas
Rosa Jijon
Susan Kleinberg
Sandro Mele
Daniela Perego
Fabrizio Plessi
Daniele Puppi
Arash Radpuor
Guendalina Salini
Studio Azzurro
Carlo Zanni

PROGRAMMA

7 marzo

Ore 18.00 – Saluti delle autorità
Pio Baldi – Presidente MAXXI
Fabiana Santini – Assessore Arte Sport e Politiche Giovanili Regione Lazio*
Roberto Grossi – Presidente di Federculture
Francesco Casetti – Università di Yale – Umanities Program e Film Studies Program

Ore 18.30 – Proiezione video

Studio Azzurro, Striaz, 2006, 4’48’’
Arash Radpuor, Senza titolo, 2012, 4’
Daniele Puppi, Zero, 2009, 3’33’’
Carlo Zanni, My country is a Living Room, 2011, 4’
Pietro Ruffo, Freedom and its desease, 2010, 10’40″
Sandro Mele, Working poor, 2011, 6’25’’

Ore 19.00 – Le curatrici e Bruno Di Marino intervistano Daniele Puppi, Pietro Ruffo e Arash
Radpour.

8 marzo

La videoarte festeggia le donne
Ore 18.00 – Proiezione video

Joan Jonas, Melancholia, 2004, 5’, Courtesy Galleria Raffaella Cortese, Milano
Guendalina Salini, In-Visibile, 2011, 4’, Courtesy Ex Elettrofonica, Roma
Rosa Jijon, Kika, 2007, 3’30’’
Daniela Perego, Matrimonio 2009, 6′
Anita Calà, Anita c., 2012, 3′.56”

Ore 19.00 – Le curatrici intervistano le artiste Rosa Jijon, Daniela Perego e Anita Calà.
Omaggio a tutte le visitatrici

9 marzo

Ore 18.00 – Proiezione video

Fabrizio Plessi, Project of the world, 16’55’’
Bianco-Valente, Sulla Pelle, 2010, 4’22’’
Masbedo, 11:45:03, 2004, 11’45’’, Courtesy Galleria Pack, Milano
Susan Kleinberg, Tierra sin males, 2011, 3′
Stefano Cagol, EVOKE PROVOKE (THE BORDER), 2011, 18’

Ore 19.00 – Le curatrici e Marco Tonelli intervistano Fabrizio Plessi e Bianco-Valente.


EVENT

Iterating My Way Into Oblivion, 2010 - edition of 1000


Dates:
Mon Nov 21, 2011 14:15 - Sat Dec 31, 2011

My video Iterating My Way Into Oblivion 2010, is now on sale for 90 € (approx: 125 US $ ) + Shipping.

Edition of 1000.

image

Noodle cup packaging signed and numbered containing a DVD data with a 3 Gb, .mov file (1080p) signed and numbered.
(The noodle cup is featured in the video)

From the file you can make your own DVD, Bluray, iPad etc. versions.



more info at: http://www.iteratingmywayintooblivion.com/



EVENT

DIGITALIFE2 - RACCONTARE IL TERRITORIO CON LA TECNOLOGIA


Dates:
Wed Nov 16, 2011 16:30 - Wed Nov 16, 2011

Location:
Roma, Italy



RACCONTARE IL TERRITORIO CON LA TECNOLOGIA

DIGITALIFE2
TAVOLA ROTONDA | Arte, New Media e Comunicazione sociale

evento nato dalla collaborazione tra MAXXI, Place Making e Fondazione Romaeuropa promosso da Filas

mercoledì 16 novembre 2011, ore 16.30
INGRESSO LIBERO

OPIFICIO TELECOM ITALIA
Via dei Magazzini Generali 20/A

www.fondazionemaxxi.it
www.romaeuropa.net
www.placemaking.it
www.filas.it

Roma 11 novembre 2011. Una ricognizione fatta di video, quadri, installazioni e performance sui paesaggi incompiuti di Alterazioni Video. Carlo Zanni che ci dimostra come Internet, la Banda Larga e il Web2.0 stanno rivoluzionando l'idea di arte pubblica.
Sono gli artisti protagonisti insieme a critici, esperti di New Media e di Digital Art e attori che operano sul territorio, di DIGITAL LIFE 2 - Arte New Media e Comunicazione sociale, una tavola rotonda per raccontare il territorio attraverso le visioni generate dalla tecnologia, dai nuovi linguaggi visivi e dall’arte digitale, mercoledì 16 novembre alle ore 16.30 negli spazi dell’Opificio Telecom Italia.

L’arte digitale, la comunicazione, la diffusione culturale possono rafforzare la capacità di un territorio di calamitare persone e attività produttive sostenibili? Oggi che la rete attraverso i social network offre la possibilità di creare nuovi linguaggi e di attivare nuove strategie di comunicazione, qual è l’uso che gli artisti ne fanno?

Per rispondere a queste domande Matteo Caroli, Presidente di Place Making, con la storica dell’arte e curatrice Laura Barreca, moderano gli interventi di Laura Tassinari, Direttore Generale di Filas, Antonio Abbate, Presidente della Fondazione Mastrojanni, dell’esperto di Net Art e New Media Art Domenico Quaranta e degli artisti Carlo Zanni, e Andrea Masu di Alterazioni Video.

Nell'ambito dei talks di Digital Life 2, - una mostra organizzata dalla Fondazione Romaeuropa e dedicata al futuro digitale ed alle contaminazioni fra tecnologia, nuovi media ed espressioni artistiche contemporanee e che animerà l'Ex GIL a Trastevere fino all' 11 Dicembre - la tavola rotonda, dedicata al tema Arte, New Media e comunicazione sociale tenta l’analisi del territorio in un momento in cui persone, imprese, investimenti sono caratterizzati da un’elevata mobilità, nella continua ricerca del luogo migliore in cui concentrare le proprie attività.

Place Making è partner del MAXXI - Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo. Il modello strategico di questa collaborazione nasce da una riflessione sulle potenzialità dell’arte contemporanea per la crescita e lo sviluppo territoriale, fondata sulla stabilizzazione di un dialogo virtuoso tra aspettative culturali, politiche territoriali, modelli di intervento culturale in linea con le politiche urbane specifiche di ogni luogo.
Filas Spa, impegnata nella costituzione del Distretto Tecnologico dei Beni e delle Attività Culturali del Lazio (DTC), è sponsor dell’evento.

Place Making è impegnato nella promozione e nella diffusione dell’arte e della cultura contemporanea attraverso la creazione di un modello strategico per le politiche di riorganizzazione culturale del territorio su scala nazionale e internazionale. Il nostro progetto mira alla costituzione di una rete di rapporti tra enti pubblici e privati, concentrandosi soprattutto in aree lontane dai circuiti stabilizzati e codificati dell’arte contemporanea.

Filas Spa è la società regionale dedicata al sostegno dei processi di sviluppo e innovazione del tessuto imprenditoriale della Regione Lazio. Sostiene, finanzia e assiste le imprese, gli istituti e i centri di ricerca che investono in progetti innovativi nel territorio. Filas, come ente gestore del DTC, non poteva quindi mancare a Digitalife2, prestigioso laboratorio sul futuro dell'arte contemporanea e del digitale. Il DTC supporta l’arte contemporanea con l’obiettivo di sviluppare le potenzialità del rapporto tra arte e scienza, tra creatività e hi-tech, riconoscendo un ruolo primario alla “Digital Art”, fornendo opportunità soprattutto ai giovani e a un'imprenditorialità di nuova generazione, attraverso lo stimolo alla creazione di valore aggiunto, all’occupazione e al networking tra ricerca e imprese.
Antonio Abbate (Roccasecca (Fr) 1951). Laureato in Architettura presso l'Università La Sapienza di Roma. Dal 1979 al 1989 presta servizio presso la Regione Lazio, nei settori decentrati Opere e Lavori Pubblici di Frosinone e Cassino, come funzionario dirigente. Coordina il settore tecnico della XIV Comunità Montana di Atina (Fr) dal 1989 al 1991, data in cui lascia la pubblica amministrazione e si dedica esclusivamente all'esercizio della libera professione.

Domenico Quaranta (1978, Brescia) è critico e curatore d’arte contemporanea. Ha concentrato inizialmente la sua attenzione sulla net art, per poi estendere la sua indagine alla new media art e all'impatto dei media digitali sull'attività artistica. Come critico, collabora regolarmente a Flash Art; i suoi saggi, recensioni e interviste sono comparse in riviste, giornali nazionali e internazionali.

Carlo Zanni (La Spezia, 1975) dai primi anni del 2000 la sua pratica comporta l'uso di dati prelevati da Internet per creare esperienze di coscienza sociale basate sul passare del tempo che indagano la nostra vita. Vive lontano dalla mondanità del mondo dell'arte mentre partecipa a mostre e screening in giro per il mondo. Ha fondato "People From Mars" per sperimentare nuovi modelli di distribuzione per la videoarte e progetti multimediali.

Alterazioni Video, nato a Milano nel 2004, è un collettivo di 5 artisti (Paololuca Barbieri Marchi, Andrea Masu, Alberto Caffarelli, Giacomo Porfiri, Matteo Erenbourg) con base a Milano e New York. Il collettivo agisce come un network internazionale, disseminato e mobile, e si concentra sulla disinformazione e sul rapporto tra verità e rappresentazione, legalità e illegalità, libertà e censura, incrociando i linguaggi dell'arte e pratiche di insinuazione del reale e attraversando tutti i media: dalla pittura al video, dall'installazione a Internet.

DIGITAL LIFE 2 - Arte, New Media e Comunicazione sociale
Mercoledì 16 novembre, ore 16.30
Opificio Telecom, Via Dei Magazzini Generali 20/A
INGRESSO GRATUITO

RELATORI: Antonio Abbate, Andrea Masu di Alterazioni Video, Domenico Quaranta, Laura Tassinari, Carlo Zanni,
MODERATORI: Matteo Caroli, Laura Barreca

Un progetto nato dalla collaborazione tra Fondazione MAXXI, Placemaking e Fondazione Romaeuropa promosso da Filas e Digital Life 2

Ufficio Stampa MAXXI press@fondazionemaxxi.it+39.06.3225178


EVENT

Photos from Carlo Zanni solo show at SKL Gallery, Palma de Mallorca


Dates:
Tue Oct 25, 2011 17:10 - Sat Dec 31, 2011

This is a set of photos from my solo show at SKL gallery in Palma de Mallorca.
I'm presenting several old projects and a new piece, "my country is a living room" http://www.mycountryisalivingroom.com
a poem done hacking into Google Scribe that is available as a Pay-Per-View Internet project and a print on demand book.
https://plus.google.com/photos/109107692172018496908/albums/5663248575775122865?hl=en
thank you,
Carlo Zanni
http://www.zanni.org